Cosa Fare / Cosa Vedere

Il Mare

La costa si estende per otto chilometri tra Montalto e Capalbio e si distingue per il suo ambiente selvaggio e incontaminato. La spiaggia, con alle spalle la fitta vegetazione della macchia mediterranea, si estende per lunghi tratti deserta, ma curata ed ospitale.

Marina di Montalto, attrezzata località turistica, è caratterizzata da ampie spiagge e funzionali strutture ricettive. Anche le zone attrezzate con chioschi in legno e servizi non alterano la naturalezza dell’ambiente circostante. Questo tratto di costa ha guadagnato “quattro vele” della Guida Blu di Legambiente, premio che ha reso la zona un fiore all’occhiello tra le località balneari del Lazio per qualità ambientali e servizi offerti.

A nord , percorrendo la S.S. Aurelia, si raggiungono le meravigliose località della Costa d’Argento. Lungo il tragitto si incontra l'Oasi del WWF di Burano, dove si può godere di spettacoli emozionanti ed unici. Arrivati ad Ansedonia si è colpiti da un panorama mozzafiato, da cui si scorge la zona archeologica con le rovine dell'antica città di Cosa. Proseguendo per pochi chilometri si giunge all’Argentario, splendido promontorio circondato dal mare e collegato alla costa dai tomboli della Giannella, della Feniglia, e da un istmo artificiale in cui sorge la graziosa cittadina di Orbetello. Dall'Argentario si affacciano sul mare due rinomati ed accoglienti centri turistici: Porto Santo Stefano e Porto Ercole, antichi borghi di pescatori che hanno poi fatto del turismo la risorsa principale. Questa zona si contraddistingue per l’ambiente marino di grande varietà che riesce a soddisfare diverse esigenze. I due tomboli infatti, nominati riserva naturale nel 1971, altro non sono che due lunghe spiagge sabbiose riparate da ombrose pinete che rendono queste aree particolarmente tranquille, rilassanti e di facile accesso. Per gli amanti dei fondali rocciosi invece, lungo la costa del promontorio, alte scogliere si alternano a suggestive calette e spiagge selvagge ed isolate, più difficili da raggiungere (preferibilmente in barca e/o gommone), ma bagnate da un mare cristallino. La costa molto irregolare offre, infine, ai subacquei innumerevoli punti di immersioni differenti l'uno dall'altro: pareti, grotte, secche e relitti in un mare ricco di vita.